YoungCultures 2017

Tutti gli eventi e le attività del festival

                                                   YOUNG CULTURES 

Quartiere Santo Stefano, Sala del Silenzio

Vicolo Bolognetti 2

Mercoledì 22 Marzo 2017

Ore 14,30

In collaborazione con il Liceo Laura Bassi – Sezione Doc

Lezione d’autore. Scrivere cinema: dalle parole alle immagini

 Giuseppe Piccioni, autore di un cinema intimista, rigoroso ed elegante, si racconta

Partecipano: Davide Turrini, critico cinematografico, Enza Negroni, regista, Roberto Guglielmi, docente

 

Dipartimento delle Arti - Università di Bologna

Salone Marescotti

Via Barberia, 4

Venerdì 24 Marzo, ore 15,00

Lezione d’autore. Scrivere cinema: dalle parole alle immagini

Gennaro Nunziante si racconta: scrivere sceneggiature, raccontare l’attualità e creare un’icona, Checco Zalone; partecipano Paolo Noto, docente di Storia del cinema, Davide Turrini, critico cinematografico

Gennaro Nunziante, nato a Bari nel 1963, è attore, sceneggiatore e regista. A partire dal 1985 si mette in evidenza come ideatore, autore dei testi e regista dei programmi televisivi del duo comico Toti e Tata: Filomena Coza Depurada (1992), Il Polpo (1993), Teledurazzo (1993), Melensa (1995), Televiscion (1997), che riscuotono, in Puglia, un enorme successo di pubblico. Per il cinema ha scritto, insieme ad Alessandro D'Alatri, la sceneggiatura di CommediasexiLa febbre e Casomai. Ha recitato in Casomai di Alessandro D'Alatri e ne Il Grande Botto di Leone Pompucci, di cui ha curato anche la sceneggiatura. Nel 2000 ha firmato insieme a Cristina Comencini ed Enzo Monteleone la sceneggiatura di Liberate i pesci, diretto da Cristina Comencini. La sua sceneggiatura più recente è quella del film  Come diventare grande nonostante i genitori (2016) diretto da Luca Lucini. Nel 2009 è autore della sceneggiatura e regista del film Cado dalle Nubi, che trasforma in un’icona il personaggio Checco Zalone (Luca Medici). Conferma il suo sodalizio con Luca Medici  con il film Che bella giornata, record d'incassi del cinema italiano e nel 2013 dirige nuovamente Checco Zalone in Sole a catinelleQuo Vado? del 2016 è il suo quarto lungometraggio, tutti film di cui è autore anche delle sceneggiature.

                                                                              SEMINARIO

 

Liceo Artistico Francesco Arcangeli

Aula Magna

Via Giovanni Marchetti 22

Sabato 25 Marzo, Ore 10

25 marzo 2017, ore 9,30 – 13

Dipingere la luce Caravaggio e il cinema: la tecnica, l’innovazione e il confronto

 Relatori:

Paolo Benvenuti, Regista: Il segreto di Caravaggio

Milena Naldi, Storica dell’Arte: Caravaggio e il suo tempo

Coordina il giornalista e critico cinematografico Davide Turrini

 

 TABLEAUX VIVANT, raffiguranti due opere di Caravaggio, con protagonisti gli studenti del Liceo Artistico, regia di Olga Durano

 

Paolo Benvenuti dopo essersi interessato alla pittura, anche in virtù degli studi artistici fatti presso l'Istituto d'Arte e il Magistero a Firenze, si dedica al cinema cominciando a realizzare cortometraggi che ben presto gli valgono i primi riconoscimenti ufficiali. Nel 1968 comincia a girare dei piccoli documentari cogliendo un'idea precisa di "morale della visione" che il lavoro sul set de L'età dei Medici accanto a Rossellini, confermerà come valida. Regista sperimentale, nei primi anni '70 realizza e filma una Medea con protagonisti contadini pisani analfabeti. Dopo alcune collaborazione con Jean Marie Straub, nel 1975 realizza Frammenti di cronaca volgare, nel 1992 gira Confortorio e nel 1996 TiburziNel 2000 è la volta di Gostanza da Libbiano, un'opera interessante, ambientanta nella Toscana del 1594, Segreti di Stato (2003) è una rilettura della storia italica recente, del 2001 è il film Puccini e la fanciulla.

 

Milena Naldi è nata a Bologna nel 1964, si è laureata in Storia dell’arte all’Università di bologna e poi specializzata presso l’Università di Milano. Nella sua attività di libero professionista ho a lungo collaborato con il Comune di Bologna per i suoi programmi di divulgazione artistica, affiancando le iniziative di Eugenio Riccomini. In questo settore ha curato per molti anni imprese di carattere didattico: conferenze sull’arte, visite guidate a monumenti italiani e stranieri, illustrazioni di mostre, viaggi culturali. Ha diretto la collana editoriale di libri d’arte “Pittori d’Italia”.  Si è inoltre occupata attivamente dei più vari temi che riguardano la qualità urbana e la bellezza della città, partecipando dal 1996 al 1999 all’attività del Settore “Qualità Urbana” del Comune di Bologna.

 

 

YOUNG LEGALITA’

 

 

PREMIO ANGELO VASSALLO 2017 assegnato a Nicola Schingaro

 

Sala Tassinari, Palazzo d’Accursio

Venerdì 24 marzo ore 19,00

Ricordiamo Angelo Vassallo, organizzando la settima edizione del Premio a lui intitolato.

Partecipano, Bruna Gambarelli, Assessore Cultura e progetto nuove centralità culturali nelle periferie del Comune di Bologna e Nicola Schingaro, sociologo

Consegna del Premio Angelo Vassallo a NICOLA SCHINGARO, sociologo, Urban Planner e docente a contratto di Sociologia della cultura presso il Dipartimento di Scienze politiche dell’Università degli Studi “A. Moro” di Bari, autore di una ricerca coraggiosa, sincera e puntuale, dal titolo “Perché non sono un delinquente?Un’auto etnografia come metodo della ricerca sociale”, (Editrice Libreria Laterza, Bari, 2015) “La periferia mi appartiene. Sono nato e cresciuto in un quartiere povero. Nell’immaginario comune, esso ha evocato da sempre l’immagine negativamente stereotipata di un luogo come coacervo di miseria e di criminalità. A causa del mio quartiere, ho sofferto varie forme di tensione. In particolar modo, un lungo processo di etichettamento ha tormentato il mio Sé, la mia identità, la mia vita; mentre, per molte teorie della devianza e della criminalità, io sarei - o potrei ancora diventare - un criminale… E in che modo la profezia che si auto-avvera ha funzionato in relazione al mio destino e alla mia vita? E infine, quali utili suggerimenti la mia esperienza di vita può offrire in termini di politiche urbane e sociali? Ecco. Né più né meno, ora, sto cercando di rispondere a queste domande attraverso quest’autoetnografia.”

ANGELO VASSALLO è stato sindaco di Pollica, località in provincia di Salerno, per tre mandati: dal 1995 al1999, dal 1999 al 2004  e dal 2005 al 2010. Nel 2010 si era presentato per un quarto mandato: unico candidato era stato rieletto il 30 marzo con il 100% dei voti. Oltre alla carica di sindaco, ricopriva anche quella di presidente della Comunità del parco, organo consultivo e propositivo dell’ente Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano (80 comuni del Cilento) ed era stato Presidente della Comunità Montana Alento Monte Stella. Era inoltre vicepresidente delle ‘Città slow’, aderenti al manifesto dell’associazione Slow Food ed era stato Presidente delle 'Città Slow' nel mondo. Vassallo era noto come il sindaco pescatore, per il suo passato di pescatore e per l’amore per il mare e la terra: lottava strenuamente per difendere il suo territorio dallo scempio della speculazione edilizia e dall’inquinamento. Ha difeso, fino alla morte, i giovani della sua cittadina dal consumo e dalla diffusione delle droghe. La sera del 5 settembre 2010, mentre rincasava alla guida della sua auto, Angelo Vassallo è stato barbaramente ucciso, per mano di uno o più attentatori. I suoi assassini sono ancora ignoti.

 

Letture di Olga Durano

 

Durante la serata sarà proiettato il documentario: FELICE! Regia: Matteo Antonelli, Rosaria Désirée Klain, Italia, 2010, 51’

 

YOUNG MOSTRE

 

SALA BORSA RAGAZZI, OFFICINA ADOLESCENTI

20-25 Marzo

Esposizione dei bozzetti per il manifesto del Festival Youngabout

ideati e realizzati dagli allievi del Liceo Artistico Arcangeli